Pali C.F.A.

L'impiego di pali eseguiti con il metodo ad elica continua trova attualmente sempre più larga applicazione, tanto che in alcuni paesi dell'Europa occidentale rappresenta il sistema principale per l'esecuzione dei pali trivellati e gettati in opera. Questa tecnologia presenta indiscutibili vantaggi, quali la possibilità esecuzione in quasi tutti i tipi di terreno, l'assenza di vibrazioni e la limitata rumorosità durante l'esecuzione. Il metodo è quindi particolarmente indicato in zone urbanizzate o qualora gli spazi a disposizione per il cantiere sono limitati. Grazie alle moderne tecnologie che consentono il monitoraggio continuo dei parametri caratteristici in tutte le fasi di esecuzione e ad un sistema completamente automatizzato e computerizzato, in grado di sincronizzare e regolare tutti i processi, è possibile garantire la perfetta esecuzione ed ottenere pali con diametro compreso tra 400 mm e 1200 mm e lunghezze anche superiori a 30 m. Di seguito diamo una descrizione delle fasi esecutive e dei principi fondamentali.

Trivellazione

La perforazione viene effettuata con un'elica continua avente anima costituita da un'asta cava chiusa all'estremità inferiore da un dispositivo che impedisce l'entrata di terreno e\o acqua durante la perforazione. La rotazione è impressa da una Rotary installata su una macchina cingolata.

Pali C.F.A.

Getto del calcestruzzo

La perforazione viene effettuata con un'elica continua avente anima costituita da un'asta cava chiusa all'estremità inferiore da un dispositivo che impedisce l'entrata di terreno e\o acqua durante la perforazione. La rotazione è impressa da una Rotary installata su una macchina cingolata.

Posa in opera dell'armatura

Al termine del pompaggio del calcestruzzo si procede all'inserimento dell'armatura metallica. La gabbia di armatura viene posta in opera mediante apposito argano di servizio installato sulla macchina base. Un piccolo vibratore idraulico agevola la posa di gabbie lunghe normalmente fino a 12 m. In particolari condizioni stratigrafiche la profondità massima della gabbia può essere spinta fino a 20 m. Le armature hanno normalmente una lunghezza variabile da 9 a 12 m e sono confezionate con barre in acciaio di diametro > 20 mm, con spirale di diametro 8÷10 mm saldata alle barre per formare una gabbia rigida. 
Nel caso di pali sottoposti a trazione, ove non sia possibile l'alloggiamento della gabbia di armatura fino alla base del palo, possono essere utilizzati tubolari in acciaio ad alta resistenza da inserire per tutta la lunghezza del palo stesso. Il nostro ufficio tecnico, per l'esperienza acquisita potrà risolvere le problematiche progettuali nella ricerca della soluzione tecnico-economica maggiormente appropriata.

Geofondazioni Ingegneria e Lavori s.r.l.

P. Iva 03077500274
Numero R.E.A.: PS - 280266
Capitale sociale interamente versato:
€ 52.000,00

Sede

Via Boschi, 30
Telefono: +39 041 5403194
Fax:  +39 041 5402870
Email: geofondazioni@geofondazioni.it
PEC: geofondazioni@geofondazioni.it